Cavalier Giovanni Bertina

Giovanni Bertina nacque nel 1849 in Francia.

Fu dedito all’insegnamento nelle ancor poche scuole pubbliche in Ossola come Malesco, Finero, Piedimulera, Varzo ma anche in collegio privato a Monza.

Dal 1898 al 1906 fu segretario di sorveglianza dei lavori al traforo del Sempione, e anche grazie al suo interessamento si aprirono delle scuole per le famiglie degli operai e delle scuole serali per gli stessi.

Ebbe anche merito per la costruzione della chiesa cattolica nel cantiere,e fu per questo insignito con l’onoreficenza di Cavaliere.

Terminati i lavori al Sempione diresse a Domodossola l’ospizio Bonomelli e a Malesco fondò il patronato scolastico.

Durante la guerra si prodigò per le famiglie ed i ragazzi del paese fornendo loro, grazie a banchi di beneficenza, aiuti e calzature.

A 84 anni scrisse ed inviò al Re una monografia cronologica di casa Savoia per la quale ricevette il ringraziamento della casa Reale.

Si appassionò alla fotografia stereopica (in 3D) , oltre ad altri soggetti, nelle sue fotografie ritrasse la Malesco e la Vigezzo che tanto amava, gli anni del lavoro al traforo del Sempione, l’ultimo volo ed il funerale di Geo Chavez… ne resta testimonianza in alcune foto esposte al museo e nella mostra permanente nel centro storico.

“Facciamo Rivivere il Paese”
Scoprire o ritrovare usi e costumi del passato attraverso un viaggio reale e virtuale che appaga la vista e arricchisce l’intelletto.

Progetto ideato e realizzato dall’Accademia dei Runditt di Malesco, liberamente tratto dalla “Storia di Malesco” di Giacomo Pollini 1896 e da testimonianze scritte ed orali di Maleschesi.

scopri di più

Progetto realizzato con il contributo di:

in collaborazione con:

Illustrazioni di Lorenzo Cancelli

Desideri ulteriori informazioni?
Scrivici